Trova Komet Partner
22 Novembre 2017

Punte soniche: sicurezza e precisione per un’ampia gamma di indicazioni

Le punte a vibrazione sonica coprono un’ampia gamma di indicazioni grazie alla loro elevata efficacia di asportazione assicurata da un movimento oscillatorio ellittico circolare.  Infatti vengono utilizzate su manipoli a vibrazione sonica, il cui movimento oscillante è generato dalla pressione dell’aria: è proprio questo movimento ellittico e tridimensionale che consente un’efficace rimozione dei tessuti duri, ottimizzando così i tempi operativi.

La loro azione è selettiva in quanto si esplica solo sui tessuti duri, in questo modo è possibile operare in modo preciso e sicuro, nel pieno rispetto dei tessuti molli.

Il design delle punte permette all’operatore un’elevata visibilità del campo operatorio. Le punte risultano maneggevoli e facilmente controllabili.

Le punte soniche inoltre, rispetto alle punte ultrasoniche, godono di indubbi vantaggi: 

  • scaldano molto meno (e quindi tendono a preservare meglio i tessuti)
  • non necessitano di motore esterno (si possono collegare all’attacco turbina del riunito)
  • lavorano a 360° e non solo bidirezionalmente (quindi il loro utilizzo è più ergonomico e più adattabile alle diverse situazioni di lavoro).

Le punte soniche sono utilizzate nell’ambito della profilassi, della parodontologia, della profilassi implantare, della preparazione del moncone coronale, della preparazione prossimale delle cavità, del trattamento restaurativo diretto e indiretto, dell’ortodonzia, della tecnica delle faccette, del trattamento delle fessure, dell’endodonzia e della chirurgia orale (in quest’ultimo campo di applicazione rientrano anche i trattamenti per il distacco delicato e completo del legamento parodontale alveolare in vista di un’estrazione di un pliruradicolato, le apicectomie, lo split crest, la mobilizzazione della finestra antrale per il rialzo di seno).

Gli strumenti sonici vengono prodotti da Komet utilizzando un acciaio chirurgico che risponde ai requisiti qualitativi più severi. I processi produttivi creano una struttura superficiale estremamente precisa che garantisce una prestazione abrasiva ottimale e conseguenti risultati clinici.

In sintesi le caratteristiche principali delle punte soniche sono:

Sicurezza: le punte soniche preservano le strutture anatomiche nobili, come per esempio i nervi e i vasi. Operando a frequenze più basse delle punte ultrasoniche, scaldano meno i tessuti. Le forme delle punte soniche sono studiate per assicurare un’ottima visibilità. Il loro marcato controllo operativo permette un approccio clinico mininvasivo e conservativo.

Precisione: le punte soniche, a differenza delle punte ultrasoniche, agiscono a 360° e permettono di mantenere costantemente un grande controllo sui trattamenti clinici. La molteplicità di forme permette un’ampia gamma di applicazioni.

I vantaggi delle punte soniche rispetto agli strumenti rotanti possono essere sintetizzati in:

  • Invasività inferiore
  • Controllo migliore
  • Visuale migliore.

Qui sotto è possibile scaricare il PDF delle schede tecniche delle punte soniche.

Condividi la notizia

Lascia un commento

NEWSLETTER Libri clinici
Casi Clinici

Caso Clinico del Dr. Natalini: Trattamento endodontico di un incisivo laterale superiore con due radici

Come gestire le tecniche di preparazione e le superfici ceramiche nei casi di riabilitazioni protesiche estetico funzionali

Come ottimizzare tempi e frese nella restaurativa diretta e indiretta – video integrale della relazione del Dr. Luca Tacchini al Convegno di Verona del 17 gennaio 2024

BioSeal, il cemento bioceramico per otturazioni canalari efficaci e durature

Trattamento endodontico di un ottavo superiore con quattro radici e quattro canali

Restauri indiretti: preparazione e cementazione – video integrale della relazione del Dr. Sandro Pradella al Convegno di Verona del 21 ottobre 2023

Caso clinico del Dr. Daniele Natalini: sagomatura del secondo premolare inferiore sinistro a seguito di carie marginale sotto vecchio restauro in composito

Tecniche adesive in restaurativa – video integrale della relazione del Dr. Sandro Pradella al Convegno di Verona del 21 ottobre 2023 della Komet Academy

Ritrattamento canalare dell’elemento 16 e ricopertura cuspidale con overlay in composito

Caso clinico del Dr. Semenza: restaurativa con utilizzo di corone in zirconia monolitica.

Caso clinico del Dr. Semenza: preparazione con geometria verticale pur mantenendo una linea di finitura

Come scegliere tra preparazione orizzontale e verticale – video integrale della relazione del Dr. Stefano Lombardo al Congresso 2022 della Komet Academy

Caso clinico del Dr. Matteo Papaleoni: comparazione diretto vs indiretto in elementi con Sindrome del Dente Incrinato

L’esperto “sonico” risponde: video Dr. Ruga del 21 giugno 2023

L’esperto “sonico” risponde: video Dr. Ruga del 24 maggio 2023

L’esperto “sonico” risponde: video Dr. Ruga del 22 marzo 2023

Caso clinico del Dr. Andrea Pittaluga: sagomatura a seguito di necrosi traumatica di un incisivo

Preparazioni protesiche del Dr. Mario Semenza con le diamantate DIAO

L’esperto “sonico” risponde: video Dr. Ruga del 22 febbraio 2023

L’esperto “sonico” risponde: video Dr. Ruga del 1 febbraio 2023