Trova Komet Partner
1 Febbraio 2019

Con il Set 4546 due sole fasi per ottenere una lucidatura ottimale dei compositi grazie alle CT serie Q

Lucidare a specchio i compositi è importante per motivi estetici, per motivi clinici (la placca si forma maggiormente sulle superfici rugose) e infine per motivi di comfort del paziente.

Una lucidatura ottimale dei compositi necessita sempre di una rifinitura altrettanto ottimale. Impiegando in fase di rifinitura le frese in carburo di tungsteno multilame a taglio Q, molto efficaci anche sui recenti compositi tipicamente più duri e compatti, ed utilizzando in fase di lucidatura i nuovi gommini gialli di brillantatura, è possibile conseguire una planarità superficiale difficilmente ottenibile in più passaggi anche con le diamantate a finire e con i sistemi di lucidatura a più passaggi, tipici dei gommini o dei dischetti tradizionali. Il risparmio di tempo e di strumenti è evidente.

I nuovi gommini monopassaggio per la lucidatura dei compositi, di colore giallo, sono contraddistinti dallo speciale legante siliconico di tipo superelastico e dall’impiego di grani diamantati ultrafini. Il legante al silicone utilizzato è resistente al calore, per cui i nuovi gommini sono perfettamente autoclavabili. Grazie a tale legante i gommini risultano estremamente adattabili alla concreta anatomia dentale. Dopo una rifinitura ad un unico passaggio con le frese in tungsteno multilame serie Q, questi gommini rilasciano una superficie molto brillante, di meno di 1 μm di planarità superficiale.

Nota bene: per ottenere risultati ottimali con le frese multilame CT lavorare a 20.000 giri al minuto ed assicurare sufficiente raffreddamento spray (minimo 50ml al minuto).

Qui sotto è possibile scaricare il PDF della scheda tecnica delle frese in carburo di tungsteno multilame a taglio Q.

Condividi la notizia

Lascia un commento



NEWSLETTER ISCRIVITI Ottieni il libro
Endo e Resto
Ottieni il libro
Taglio & Forma
Casi Clinici

Strumenti sonici, soluzioni innovative per l’operatività clinica: video integrale della relazione del Dr. Emanuele Ruga al Congresso 2021

Strumenti sonici: soluzioni innovative per l’operatività clinica – video integrale della relazione del Dr. Claudio de Vito al Congresso 2022 della Komet Academy

Restaurativa e confine dento-parodontale: video integrale della relazione del Dr. Sandro Pradella al Congresso 2022 della Komet Academy

Caso clinico del Dr. Andrea Pittaluga: sagomatura con precurvatura del Procodile Q

Caso clinico del Dr. Andrea Pittaluga: ritrattamento dell’elemento 4.7 a seguito di frattura

Caso Clinico del Dr. Matteo Papaleoni: Ricopertura cuspidale diretta “Silicone Index Technique”

Protocollo rifinitura intarsi con strumenti sonici della Dr.ssa Roberta Nuzzaci

Caso clinico del Dr. Menini: conservativa diretta e indiretta, protesi fissa per la riabilitazione del 1°quadrante

Caso clinico del Dr. Ricucci: ricostruzione di un molare fortemente compromesso

Caso clinico del Dr. Ricucci per risolvere un diastema: l’utilità delle punte soniche e reciprocanti

Caso clinico del Dr. Giovanni Sammarco: la tecnica restaurativa “slot orizzontale”

Caso clinico del Dr. Mauro Libertucci: trattamento di una lesione cariosa della parete distale di un premolare superiore

La riabilitazione di un elemento con un intarsio in disilicato

Komet Academy Digital Pills, pillole per gli odontoiatri #restatiacasa

Clinical steps in vertical slot procedure: a case report by Dr. Giovanni Sammarco

Caso clinico del Dr. Luca Tacchini su sostituzione di un restauro incongruo

Caso clinico del Dr.Giovanni Sammarco su trattamento dei solchi occlusali con punta sonica SF849

Caso clinico del Prof. Daniel Edelhoff sulla preparazione dell’onlay occlusale con il Set 4665

Caso Clinico del Dr. Giovanni Sammarco sulla tecnica restaurativa slot orizzontale

Caso clinico di Endo & Resto del Dr.Alessandro Fava