Trova Komet Partner
31 Luglio 2017

SF30, SF58, SF856, SF878K: punte soniche per una odontoiatria sempre più conservativa

Le punte soniche Micro servono a preparare cavità interprossimali in modo molto conservativo, mentre la punta Bevel serve, come dice il nome inglese, a smussare i margini della cavità, non solo in casi di difficile accesso, ma in tutti quei casi in cui è necessario un bisello uniforme, difficilmente ottenibile con i soli strumenti rotanti.

Komet ha reso quindi disponibili le seguenti nuove punte soniche:
SF 30M diametro 016 (anche con attacco quick)
SF 30M diametro 024 (anche con attacco quick)
SF 58M diametro 027 (anche con attacco quick)
SF 856 diametro 018
SF 878K diametro 018

Ecco più in dettaglio le novità introdotte da ciascuna punta:

Le punte SF30, le cosiddette “mezze palline” nella versione Mesiale e Distale e nei diametri 016 e 024, consentono di eseguire una odontoiatria sempre più conservativa quando si lavora su cavità prossimali. L’impiego degli strumenti rotanti potrebbe causare l’asportazione non voluta o indesiderata di sostanza sana dai denti prossimali. La diamantatura presente solo su di un lato e una visibilità che solo le punte soniche possono garantire, permettono una lavorazione controllata, impensabile con gli strumenti rotanti tradizionali. Con le punte SF 30 si evita l’asportazione accidentale di sostanza sana, soprattutto quando si lavora nei settori posteriori, spesso di difficile accesso.

Le punte SF 58 M/D sono pensate per bisellare i margini di smalto a 45°, in modo da incrementare l’adesione delle ricostruzioni in composito. La bisellatura dello smalto infatti aumenta la superficie utile mordenzabile per la tecnica adesiva. La punta sonica SF 58 consente una lavorazione estremamente precisa e pulita dello smusso, a tutto vantaggio della tenuta successiva del composito.
Le SF 30 e SF 58 costituiscono un’accoppiata sinergica: le mezze palline infatti sono pensate per la preparazione della cavità, mentre la punta di bisellatura è indicata per lo smusso periferico dei bordi cavitari stessi.

Le punte SF 856 e SF 878K servono per il ritocco di precisione di preparazioni protesiche a spalla arrotondata o deep chamfer (SF 856) e a chamfer classico (SF 878K). Tali punte arricchiscono la gamma delle punte soniche per le preparazione protesica realizzata su di una linea, finora appannaggio quasi esclusivo delle punte a chamfer modificato sec. Dr.Massironi.

Condividi la notizia

Lascia un commento



NEWSLETTER ISCRIVITI Ottieni il libro
Endo e Resto
Ottieni il libro
Taglio & Forma
Casi Clinici

Strumenti sonici, soluzioni innovative per l’operatività clinica: video integrale della relazione del Dr. Emanuele Ruga al Congresso 2021

La soluzione verticale: una preparazione biologica – video integrale della relazione del Dr. Fabio Scutellà al Congresso 2022 della Komet Academy

Strumenti sonici: soluzioni innovative per l’operatività clinica – video integrale della relazione del Dr. Claudio de Vito al Congresso 2022 della Komet Academy

Restaurativa e confine dento-parodontale: video integrale della relazione del Dr. Sandro Pradella al Congresso 2022 della Komet Academy

Caso clinico del Dr. Andrea Pittaluga: sagomatura con precurvatura del Procodile Q

Errori da evitare nelle preparazioni protesiche verticali: video integrale della relazione del Dr. Fabio Scutellà al Congresso 2021

Strumenti sonici: video integrale della relazione del Dr. Emanuele Ruga al Congresso 2022 della Komet Academy

Caso clinico del Dr. Andrea Pittaluga: ritrattamento dell’elemento 4.7 a seguito di frattura

Caso Clinico del Dr. Matteo Papaleoni: Ricopertura cuspidale diretta “Silicone Index Technique”

Il Dr. Stefano Lombardo illustra con due video il protocollo clinico denominato B.O.P.T.

Protocollo rifinitura intarsi con strumenti sonici della Dr.ssa Roberta Nuzzaci

La preparazione “VertiSonic” del Dr. Attilio Bedendo per ridurre le criticità legate alla preparazione verticale

Video del Dr. Stefano Lombardo sulla preparazione orizzontale con chamfer e sulle preparazioni in protesi fissa

Caso clinico del Dr. Menini: conservativa diretta e indiretta, protesi fissa per la riabilitazione del 1°quadrante

Caso clinico del Dr. Ricucci: ricostruzione di un molare fortemente compromesso

Caso clinico del Dr. Ricucci per risolvere un diastema: l’utilità delle punte soniche e reciprocanti

Caso clinico del Prof. Guido Pasquantonio: rifinitura della preparazione verticale con lime DF1

Caso clinico del Dr. Giovanni Sammarco: la tecnica restaurativa “slot orizzontale”

Caso clinico del Dr. Mario Semenza: procedura clinica di monconizzazione

Caso clinico del Dr. Mauro Libertucci: trattamento di una lesione cariosa della parete distale di un premolare superiore