Trova Komet Partner
7 Dicembre 2017

H4MCL: tagliacorone per metalli, resistente alla rottura

La durezza dei ponti e delle corone protesiche possono spesso causare serie difficoltà nelle fasi di rimozione. Infatti sempre più frequentemente può capitare che una sola tagliacorone da sola non sia sufficiente per terminare il trattamento, e questo tipo di complicazioni hanno per di più come conseguenza una dilatazione dei tempi di lavoro.

E’ certamente preferibile, per facilità e sicurezza, utilizzare uno strumento efficace su ogni materiale, compresi metalli non preziosi, metalli preziosi o restauri in ceramica a basso punto di fusione.
La tecnologia Komet applicata ai materiali e alle geometrie di taglio consente così di risparmiare tempo e numero di strumenti impiegati.

Per le sue alte prestazioni senza confronti, la tagliacorone più indicata è senza dubbio la H4MCL:

la sua speciale dentatura di tipo D e le sue lame distanziate per agevolare il passaggio rapido dei trucioli permettono di separare i ponti e le corone anche nei metalli più duri e difficili da lavorare, come le leghe e il titanio, senza necessità di cambiare strumento, impediscono inoltre l’impastamento, soprattutto su leghe auree di tipo morbido. Questo strumento evidenza i suoi punti di forza anche su leghe a difficile truciolabilità, come per esempio il Dentitan.

La H4MCL infine permette il taglio di ceramiche a basso punto di fusione (come quelle feldspatiche usate per le faccette) durante le fasi iniziali del trattamento.

La H4MCL non è però adatta per la separazione di ponti e corone in ceramica integrale dura in biossido di zirconio: la 4ZRS.314.016 (denominata anche Jack), diamantata con parte lavorante corta, oppure la 4ZR.314.012, diamantata con parte lavorante lunga, sono infatti le taglia corone appositamente sviluppate per separare l’ossido di zirconio.

Oltre ad un’elevata resistenza alla rottura, la H4MCL provvede ad una rotazione pressoché esente da vibrazioni a tutto vantaggio sia del paziente che dell’odontoiatra (oltre che della durata utile del contrangolo/manipolo).

La parte operativa della H4MC è disponibile in varie lunghezze da 2 mm a 8 mm (codici da H4MC a H4MCXXL).

 

H4MCL

Consigli per l’uso della taglia corone H4MCL:
• Per poter sfruttare appieno il perimetro dello strumento durante la fase di taglio, si consiglia di mantenere lo strumento con un angolo di ca. 45° rispetto alla corona da tagliare.

  • Velocità ottimale: 160.000 giri / min (max 450.000 giri / min)
  • Su materiali che tendono a «saltare» (per es. alcune leghe vili), si consiglia l’impiego su turbina a bassa pressione operativa.
  • Lavorare sempre con sufficiente raffreddamento (almeno 50 ml/min.).
  • Non superare la pressione operativa max. di 2N.

E’ disponibile il Kit 3148 che contiene 20 tagliacorone H4MCL                      (5x H4MCL.314.010 e 15x H4MCL.314.012).

Qui sotto è possibile scaricare il PDF delle schede tecniche delle tagliacorone H4MC.

Download Allegato H4MC_410523.pdf
Condividi la notizia

Lascia un commento



NEWSLETTER ISCRIVITI Ottieni il libro
Endo e Resto
Ottieni il libro
Taglio & Forma
Casi Clinici

Strumenti sonici, soluzioni innovative per l’operatività clinica: video integrale della relazione del Dr. Emanuele Ruga al Congresso 2021

La soluzione verticale: una preparazione biologica – video integrale della relazione del Dr. Fabio Scutellà al Congresso 2022 della Komet Academy

Strumenti sonici: soluzioni innovative per l’operatività clinica – video integrale della relazione del Dr. Claudio de Vito al Congresso 2022 della Komet Academy

Restaurativa e confine dento-parodontale: video integrale della relazione del Dr. Sandro Pradella al Congresso 2022 della Komet Academy

Caso clinico del Dr. Andrea Pittaluga: sagomatura con precurvatura del Procodile Q

Errori da evitare nelle preparazioni protesiche verticali: video integrale della relazione del Dr. Fabio Scutellà al Congresso 2021

Strumenti sonici: video integrale della relazione del Dr. Emanuele Ruga al Congresso 2022 della Komet Academy

Caso clinico del Dr. Andrea Pittaluga: ritrattamento dell’elemento 4.7 a seguito di frattura

Caso Clinico del Dr. Matteo Papaleoni: Ricopertura cuspidale diretta “Silicone Index Technique”

Il Dr. Stefano Lombardo illustra con due video il protocollo clinico denominato B.O.P.T.

Protocollo rifinitura intarsi con strumenti sonici della Dr.ssa Roberta Nuzzaci

La preparazione “VertiSonic” del Dr. Attilio Bedendo per ridurre le criticità legate alla preparazione verticale

Video del Dr. Stefano Lombardo sulla preparazione orizzontale con chamfer e sulle preparazioni in protesi fissa

Caso clinico del Dr. Menini: conservativa diretta e indiretta, protesi fissa per la riabilitazione del 1°quadrante

Caso clinico del Dr. Ricucci: ricostruzione di un molare fortemente compromesso

Caso clinico del Dr. Ricucci per risolvere un diastema: l’utilità delle punte soniche e reciprocanti

Caso clinico del Prof. Guido Pasquantonio: rifinitura della preparazione verticale con lime DF1

Caso clinico del Dr. Giovanni Sammarco: la tecnica restaurativa “slot orizzontale”

Caso clinico del Dr. Mario Semenza: procedura clinica di monconizzazione

Caso clinico del Dr. Mauro Libertucci: trattamento di una lesione cariosa della parete distale di un premolare superiore