20 Dicembre 2017

Le punte diamantate serie-S ottimizzano i tempi di lavoro

Il tempo è prezioso, per questo in odontoiatria va gestito in maniera ottimale in tutte le attività di routine, indifferentemente che si tratti di apertura di una cavità o di una preparazione di un restauro protesico. Grazie alle punte diamantate serie S a supporto strutturato, l’apertura di una cavità e la successiva preparazione preliminare risultano notevolmente semplificate. La combinazione con una grana grossa consente infatti di ottenere più velocemente un più alto livello di asportazione di materiale con un miglior raffreddamento.

Vantaggi delle punte diamantate serie S:

  • Aumento misurabile nell’asportazione di sostanza dal dente
  • Riduzione del tempo necessario per la lavorazione
  • Miglior raffreddamento
  • Riduzione dello stress al paziente

Quali sono state le premesse cliniche che hanno portato allo sviluppo delle punte diamantate-S ?

La quantità di sostanza rimossa da uno strumento diamantato è generalmente controllata dalla sua grana. Solitamente gli strumenti a grana grossa rimuovono più sostanza rispetto agli strumenti a grana fine. Tuttavia più grossa è la grana, meno grana si deposita sulla parte operativa dello strumento. Inoltre gli strumenti a grana grossa creano sul dente una superficie più ruvida, quindi bisogna intervenire con attenzione quando si incrementa la prestazione di abrasione. Infine lo sviluppo del calore ed il suo effetto sui tessuti biologici durante la preparazione non deve mai essere elevato.

Cosa hanno di speciale le punte diamantate serie S ?

La particolare costruzione della sezione di lavoro delle punte diamantate serie S, caratterizzata da una struttura a più spigoli ottenuta con superfici piane disposte in modo sfalsato, consente una maggiore asportazione di materiale con un ottimo flusso del truciolo e un miglior raffreddamento.

La lavorazione diventa così notevolmente più efficace, infatti le punte diamantate serie S arrivano ad aumentare la capacità di asportazione anche del 18% (vedi figura in galleria).

L’idea di una struttura a più spigoli del supporto è così unica che Komet è stata subito in grado di brevettarla.

Komet offre 80 differenti punte diamantate-S: sono disponibili sia le tipiche forme per la preparazione della cavità, sia un’ampia gamma per la preparazione delle corone.

Per quanto riguarda la lunghezza, le diamantate S per la preparazione della corona presentano parti operative da 6mm fino a 12 mm. Possono essere utilizzate sia per corone corte nell’area posteriore, sia per denti con problemi parodontali. Particolarmente raccomandati sono gli strumenti con sezioni di lavoro a spigolo arrotondato. In fase di preparazione essi creano angoli interni arrotondati, evitando così la formazione di eventuali microfratture. Questa forma è quindi particolarmente indicata nelle preparazioni per intarsi ceramici.

Le punte diamantate S non sono prodotti per trattamenti “speciali”, ma sono strumenti di preparazione con prestazioni superiori rispetto a quelli convenzionali. Puoi riconoscere le diamantate S dal loro anello verde e gambo dorato.

Velocità consigliata:
• Il numero di giri raccomandato è di  160.000 giri al min. su contrangolo anello rosso.
È possibile prevedere anche l’impiego su turbina (ad eccezione della S6845KR.314.025).

Qui sotto è possibile scaricare i PDF delle schede tecniche delle punte diamante serie S.

Condividi la notizia

Lascia un commento


NEWSLETTER ISCRIVITI
Casi Clinici

La riabilitazione di un elemento con un intarsio in disilicato

Il Dr. Stefano Lombardo illustra il protocollo clinico denominato B.O.P.T.

Il Dr. Fabio Scutellà mostra passo dopo passo il Simplified Prosthetic Protocol

Il Dr Mario Semenza mostra come realizzare una preparazione protesica per onlay adesivi

Komet Digital Pills, due pillole del Dr. Stefano Lombardo sulla preparazione verticale B.O.P.T.

Komet Digital Pills, la pillola del Dr. Stefano Lombardo sulla preparazione orizzontale con chamfer

Komet Digital Pills, la pillola del Dr. Fabio Scutellà sulla presa di impronta finale in un caso di protesi

Komet Academy Digital Pills, pillole per gli odontoiatri #restatiacasa

Caso clinico del Dr. Ugo Macca: moncone rivestito con corona in disilicato di litio

I consigli del Dr.Claudio de Vito per la protesi digitale

Clinical steps in vertical slot procedure: a case report by Dr. Giovanni Sammarco

Caso clinico del Prof. Guido Pasquantonio: rifinitura della preparazione orizzontale con punte a vibrazione sonica e con lime DF1

Il Digital Prosthetic Essential Kit del Dr. Claudio De Vito per le protesi metal free

Caso clinico del Dr. Ugo Macca: correzione estetica con faccette in ceramica di un sorriso discromico

Caso clinico del Dr. Luca Tacchini su sostituzione di un restauro incongruo

Indicazioni del Dr. Fabio Scutellà sull’utilizzo di strumenti adeguati per migliorare il timing nella rilevazione dell’impronta definitiva in protesi

Caso clinico del Dr.Giovanni Sammarco su trattamento dei solchi occlusali con punta sonica SF849

Caso Clinico del Dr.Daniele Cardaropoli su allungamento di corona clinica per ripristino dello spazio protesico su un primo molare inferiore

Caso clinico del Prof. Daniel Edelhoff sulla preparazione dell’onlay occlusale con il Set 4665

Caso clinico sulla preparazione delle faccette