Trova Komet Partner
20 Dicembre 2017

Le punte diamantate serie-S ottimizzano i tempi di lavoro

Il tempo è prezioso, per questo in odontoiatria va gestito in maniera ottimale in tutte le attività di routine, indifferentemente che si tratti di apertura di una cavità o di una preparazione di un restauro protesico. Grazie alle punte diamantate serie S a supporto strutturato, l’apertura di una cavità e la successiva preparazione preliminare risultano notevolmente semplificate. La combinazione con una grana grossa consente infatti di ottenere più velocemente un più alto livello di asportazione di materiale con un miglior raffreddamento.

Vantaggi delle punte diamantate serie S:

  • Aumento misurabile nell’asportazione di sostanza dal dente
  • Riduzione del tempo necessario per la lavorazione
  • Miglior raffreddamento
  • Riduzione dello stress al paziente

Quali sono state le premesse cliniche che hanno portato allo sviluppo delle punte diamantate-S ?

La quantità di sostanza rimossa da uno strumento diamantato è generalmente controllata dalla sua grana. Solitamente gli strumenti a grana grossa rimuovono più sostanza rispetto agli strumenti a grana fine. Tuttavia più grossa è la grana, meno grana si deposita sulla parte operativa dello strumento. Inoltre gli strumenti a grana grossa creano sul dente una superficie più ruvida, quindi bisogna intervenire con attenzione quando si incrementa la prestazione di abrasione. Infine lo sviluppo del calore ed il suo effetto sui tessuti biologici durante la preparazione non deve mai essere elevato.

Cosa hanno di speciale le punte diamantate serie S ?

La particolare costruzione della sezione di lavoro delle punte diamantate serie S, caratterizzata da una struttura a più spigoli ottenuta con superfici piane disposte in modo sfalsato, consente una maggiore asportazione di materiale con un ottimo flusso del truciolo e un miglior raffreddamento.

La lavorazione diventa così notevolmente più efficace, infatti le punte diamantate serie S arrivano ad aumentare la capacità di asportazione anche del 18% (vedi figura in galleria).

L’idea di una struttura a più spigoli del supporto è così unica che Komet è stata subito in grado di brevettarla.

Komet offre 80 differenti punte diamantate-S: sono disponibili sia le tipiche forme per la preparazione della cavità, sia un’ampia gamma per la preparazione delle corone.

Per quanto riguarda la lunghezza, le diamantate S per la preparazione della corona presentano parti operative da 6mm fino a 12 mm. Possono essere utilizzate sia per corone corte nell’area posteriore, sia per denti con problemi parodontali. Particolarmente raccomandati sono gli strumenti con sezioni di lavoro a spigolo arrotondato. In fase di preparazione essi creano angoli interni arrotondati, evitando così la formazione di eventuali microfratture. Questa forma è quindi particolarmente indicata nelle preparazioni per intarsi ceramici.

Le punte diamantate S non sono prodotti per trattamenti “speciali”, ma sono strumenti di preparazione con prestazioni superiori rispetto a quelli convenzionali. Puoi riconoscere le diamantate S dal loro anello verde e gambo dorato.

Velocità consigliata:
• Il numero di giri raccomandato è di  160.000 giri al min. su contrangolo anello rosso.
È possibile prevedere anche l’impiego su turbina (ad eccezione della S6845KR.314.025).

Qui sotto è possibile scaricare i PDF delle schede tecniche delle punte diamante serie S.

Condividi la notizia

Lascia un commento



NEWSLETTER ISCRIVITI Ottieni il libro
Endo e Resto
Ottieni il libro
Taglio & Forma
Casi Clinici

Strumenti sonici, soluzioni innovative per l’operatività clinica: video integrale della relazione del Dr. Emanuele Ruga al Congresso 2021

La soluzione verticale: una preparazione biologica – video integrale della relazione del Dr. Fabio Scutellà al Congresso 2022 della Komet Academy

Strumenti sonici: soluzioni innovative per l’operatività clinica – video integrale della relazione del Dr. Claudio de Vito al Congresso 2022 della Komet Academy

Restaurativa e confine dento-parodontale: video integrale della relazione del Dr. Sandro Pradella al Congresso 2022 della Komet Academy

Caso clinico del Dr. Andrea Pittaluga: sagomatura con precurvatura del Procodile Q

Errori da evitare nelle preparazioni protesiche verticali: video integrale della relazione del Dr. Fabio Scutellà al Congresso 2021

Strumenti sonici: video integrale della relazione del Dr. Emanuele Ruga al Congresso 2022 della Komet Academy

Caso clinico del Dr. Andrea Pittaluga: ritrattamento dell’elemento 4.7 a seguito di frattura

Caso Clinico del Dr. Matteo Papaleoni: Ricopertura cuspidale diretta “Silicone Index Technique”

Il Dr. Stefano Lombardo illustra con due video il protocollo clinico denominato B.O.P.T.

Protocollo rifinitura intarsi con strumenti sonici della Dr.ssa Roberta Nuzzaci

La preparazione “VertiSonic” del Dr. Attilio Bedendo per ridurre le criticità legate alla preparazione verticale

Video del Dr. Stefano Lombardo sulla preparazione orizzontale con chamfer e sulle preparazioni in protesi fissa

Caso clinico del Dr. Menini: conservativa diretta e indiretta, protesi fissa per la riabilitazione del 1°quadrante

Caso clinico del Dr. Ricucci: ricostruzione di un molare fortemente compromesso

Caso clinico del Dr. Ricucci per risolvere un diastema: l’utilità delle punte soniche e reciprocanti

Caso clinico del Prof. Guido Pasquantonio: rifinitura della preparazione verticale con lime DF1

Caso clinico del Dr. Giovanni Sammarco: la tecnica restaurativa “slot orizzontale”

Caso clinico del Dr. Mario Semenza: procedura clinica di monconizzazione

Caso clinico del Dr. Mauro Libertucci: trattamento di una lesione cariosa della parete distale di un premolare superiore