Trova Komet Partner
1 Febbraio 2021

CeraBur K1SM e PolyBur per un’escavazione tattile e sicura

Testimonianza del Dr. Luca Tacchini: “Dedicandomi quotidianamente all’ambito restaurativo e protesico,  cerco sempre di ottenere risultati qualitativi ottimizzando i tempi operativi. Questa è la mia filosofia e cerco di trasmetterla nei miei corsi di conservativa su restauri diretti e indiretti Q&O. Un restauro di qualità deve avere basi solide che hanno origine da una corretta detersione cavitaria. In passato dedicavo molto tempo a comprendere se la cavità fosse costituita o meno da dentina sana, affidandomi anche a caries detectors, in grado di generare falsi positivi sulla dentina terziaria.

Da qualche anno il mio protocollo operativo è cambiato: ora mi affido in primis ad una sensazione tattile, guidata dalla fresa che fa parte del mio set di strumenti indispensabili: la Cerabur Komet. Non è una tradizionale ‘multilama in tungsteno’, ma una fresa in zirconio capace di rimuovere selettivamente la dentina rammollita, creando dopo il suo passaggio una superficie cavitaria lucida…peraltro in un tempo davvero breve, evitando il rischio di invadere lo spazio endodontico.

Ho stimato che in cavità ampie riesco a ridurre i tempi operativi di ben 7 minuti… e 7 minuti per 8 restauri al giorno sono un’ora in meno di lavoro persa!”

K1SM CeraBur consente quindi un’escavazione “tattile” della dentina, così l’odontoiatra riesce a percepire il passaggio dalla dentina cariata a quella sana e viceversa.

La sua durata, inoltre, è tre volte superiore rispetto ad una pari fresa in carburo di tungsteno.

Queste caratteristiche sono dimostrate anche da studi: l’università di Münster ha documentato l’elevata efficienza della K1SM, mentre la Queen Mary University di Londra ha dimostrato che la durata della K1SM è tre volte superiore a
quella di una fresa a rosetta in carburo di tungsteno.
Velocità della K1SM: Il numero di giri raccomandato è 1.000 – 1.500 giri al min.-1 con raffreddamento spray (livello di refrigerante almeno 50 ml / min); applicare una bassa pressione di contatto (<2N).

Utilizzare pennelli di nylon per la pulizia dello strumento per evitare segni di attrito.

Set iniziale 4547.205 per escavazione
Kit di K1SM CeraBur per gambo contrangolo lungo ISO 205.
Per conoscere la gamma di frese a rosetta in ceramica Komet propone questo pratico set introduttivo. Contiene 2 strumenti per tipo in 010, 014, 018 e 023 ed è anche
disponibile nel gambo 204.

Gamma K1SM CeraBur
Gamma K1SM, disponibile anche in gambo 205 per un facile accesso alle cavità più profonde

Suggerimento:
Per l’escavazione in prossimità della polpa raccomandiamo inoltre la nostra fresa monouso autolimitante PolyBur, la cui tagliente in materiale plastico azzurro si smussa sulla dentina sana, quindi permette di escavare la dentina malata limitando al minimo il rischio di rovinare la sostanza dentale ancora sana (P1.204.014/018/023 brevetto DE 10 2008 010 049 – EP 2 260 787).

Qui sotto è possibile scaricare il PDF delle schede tecniche delle frese in ceramica e del PolyBur.

Download Allegato K1SM_410459.pdf
Download Allegato CERALINE_410101-3.pdf
Download Allegato PolyBur_410467.pdf
Condividi la notizia

Lascia un commento



NEWSLETTER ISCRIVITI Ottieni il libro
Endo e Resto
Ottieni il libro
Taglio & Forma
Casi Clinici

Strumenti sonici, soluzioni innovative per l’operatività clinica: video integrale della relazione del Dr. Emanuele Ruga al Congresso 2021

Strumenti sonici: soluzioni innovative per l’operatività clinica – video integrale della relazione del Dr. Claudio de Vito al Congresso 2022 della Komet Academy

Restaurativa e confine dento-parodontale: video integrale della relazione del Dr. Sandro Pradella al Congresso 2022 della Komet Academy

Caso clinico del Dr. Andrea Pittaluga: sagomatura con precurvatura del Procodile Q

Caso clinico del Dr. Andrea Pittaluga: ritrattamento dell’elemento 4.7 a seguito di frattura

Caso Clinico del Dr. Matteo Papaleoni: Ricopertura cuspidale diretta “Silicone Index Technique”

Protocollo rifinitura intarsi con strumenti sonici della Dr.ssa Roberta Nuzzaci

Caso clinico del Dr. Menini: conservativa diretta e indiretta, protesi fissa per la riabilitazione del 1°quadrante

Caso clinico del Dr. Ricucci: ricostruzione di un molare fortemente compromesso

Caso clinico del Dr. Ricucci per risolvere un diastema: l’utilità delle punte soniche e reciprocanti

Caso clinico del Dr. Giovanni Sammarco: la tecnica restaurativa “slot orizzontale”

Caso clinico del Dr. Mauro Libertucci: trattamento di una lesione cariosa della parete distale di un premolare superiore

La riabilitazione di un elemento con un intarsio in disilicato

Komet Academy Digital Pills, pillole per gli odontoiatri #restatiacasa

Clinical steps in vertical slot procedure: a case report by Dr. Giovanni Sammarco

Caso clinico del Dr. Luca Tacchini su sostituzione di un restauro incongruo

Caso clinico del Dr.Giovanni Sammarco su trattamento dei solchi occlusali con punta sonica SF849

Caso clinico del Prof. Daniel Edelhoff sulla preparazione dell’onlay occlusale con il Set 4665

Caso Clinico del Dr. Giovanni Sammarco sulla tecnica restaurativa slot orizzontale

Caso clinico di Endo & Resto del Dr.Alessandro Fava