23 Gennaio 2018

SonoStripping ortodontico per l’asportazione dello smalto interprossimale

Uno strumento adeguato consente al proprio utilizzatore di migliorare e di affinare le proprie abilità per raggiungere ottimi risultati. Questo avviene in odontoiatria con le punte soniche Komet: grazie ad esse casi impegnativi o complessi possono essere trattati con efficacia e grande sicurezza.

Possono verificarsi, infatti, dei casi clinici dove l’utilizzo delle punte soniche è particolarmente indicato per riuscire a trattare le superfici in modo da evitare il rischio di  abradere tessuti che non devono essere intaccati.

E’ il caso delle superfici prossimali quando, per esempio, si deve procedere con un trattamento propedeutico ad una terapia ordotontica con i sempre più richiesti aligner trasparenti: in ortodonzia l’asportazione di smalto inter prossimale è  oramai un’operazione molto frequente. Le tecniche con mascherine invisibili (molto note per esempio quelle prodotte da Invisalign) richiedono infatti uno stripping interdentale nella maggior parte dei casi.

Con le punte SonoStripping è così possibile effettuare un’asportazione monolaterale (mesiale o distale) dello smalto, sia sui denti frontali che sui denti posteriori, in condizioni di assoluta sicurezza e rispetto dell’anatomia e senza danneggiare il dente vicino. A differenza di lime reciproche, strisce abrasive e strumenti rotanti, le punte SonoStripping consentono un’asportazione veramente omotetica dello smalto e, cosa importantissima, non intaccano gengive e papille. Le punte SonoStripping risultano molto utili anche in caso di debonding.

Non solo ortodonzia con le punte soniche per stripping e shaping. Grazie a questi strumenti per la lavorazione delle superfici prossimali, la separazione prima della preparazione della corona o l’arrotondamento delle transizioni inter prossimali lungo il margine di preparazione durante la preparazione della cavità diventa un’operazione veloce e sicura. Rivestiti di grana diamantata solo su un lato, questi strumenti sono in grado di modellare in maniera efficace ed in poco tempo le superfici prossimali nei casi di otturazioni composite. Sono disponibili punte dritte («Strip») e punte convesse («Shape»), il rivestimento è presente solo su un lato, «M» per le superfici mesialei e «D» per le superfici distali.

Indicazioni delle punte soniche per stripping e shaping:

  • Separazione preliminare alla preparazione del moncone coronale
  • Arrotondamento degli spigoli prossimali della preparazione cavitaria [vedi figure 1/2 in galleria]
  • Perfezionamento anatomico delle superfici prossimali di otturazioni in composito [vedi figure 3/4 in galleria]
  • Riduzione prossimale dello smalto in ambito ortodontico [vedi figure 5/6 in galleria].

Qui sotto è possibile scaricare il PDF delle schede tecniche delle punte soniche per stripping ortodontico.

 

Condividi la notizia

Lascia un commento


NEWSLETTER ISCRIVITI
Casi Clinici

La riabilitazione di un elemento con un intarsio in disilicato

Il Dr. Stefano Lombardo illustra il protocollo clinico denominato B.O.P.T.

Il Dr. Fabio Scutellà mostra passo dopo passo il Simplified Prosthetic Protocol

Il Dr Mario Semenza mostra come realizzare una preparazione protesica per onlay adesivi

Komet Digital Pills, due pillole del Dr. Stefano Lombardo sulla preparazione verticale B.O.P.T.

Komet Digital Pills, la pillola del Dr. Stefano Lombardo sulla preparazione orizzontale con chamfer

Komet Digital Pills, la pillola del Dr. Fabio Scutellà sulla presa di impronta finale in un caso di protesi

Komet Academy Digital Pills, pillole per gli odontoiatri #restatiacasa

Caso clinico del Dr. Ugo Macca: moncone rivestito con corona in disilicato di litio

I consigli del Dr.Claudio de Vito per la protesi digitale

Caso clinico del Prof. Guido Pasquantonio: rifinitura della preparazione orizzontale con punte a vibrazione sonica e con lime DF1

Il Digital Prosthetic Essential Kit del Dr. Claudio De Vito per le protesi metal free

Caso clinico del Dr. Ugo Macca: correzione estetica con faccette in ceramica di un sorriso discromico

Indicazioni del Dr. Fabio Scutellà sull’utilizzo di strumenti adeguati per migliorare il timing nella rilevazione dell’impronta definitiva in protesi

Caso Clinico del Dr.Daniele Cardaropoli su allungamento di corona clinica per ripristino dello spazio protesico su un primo molare inferiore

Caso clinico del Prof. Daniel Edelhoff sulla preparazione dell’onlay occlusale con il Set 4665

Caso clinico sulla preparazione delle faccette

Caso Clinico del Dr. Claudio De Vito su inlay in composito con sistematica Cad-Cam

Caso Clinico del Dr.Claudio De Vito su corona in ceramica in un unico appuntamento con il CAD CAM

Caso Clinico del Dr.Cristian Coraini su faccette in un gruppo frontale inferiore