Trova Komet Partner
3 Maggio 2021

Caso clinico del Dr. Ruga: utilizzo delle punte soniche MICRO-SAW SF100-SFS101 nelle comuni manovre di estrazione dentaria

COVER caso clinico Dr Ruga

Utilizzo delle punte soniche MICRO-SAW SF100-SFS101 nelle COMUNI MANOVRE DI ESTRAZIONE DENTARIA.

 Caso clinico a cura del Dott. Emanuele Ruga spec. In Chirurgia Odontostomatologica

INTRODUZIONE:

Le manovre estrattive sono spesso vissute con senso di apprensione da parte dei pazienti, in ragione delle forze applicate e della percepita  invasività dell’atto chirurgico.

Negli anni recenti le tecniche di approccio a tessuti duri e molli del cavo orale si sono rese  progressivamente più delicate ed accurate.

L’introduzione di nuove tecnologie tra cui laser ad erbio e sistemi piezoelettrici ha inteso ridurre la percezione delle vibrazioni da parte del paziente e garantire una maggior precisione.

Gli strumenti sonici garantiscono selettività di taglio verso i tessuti duri, un approccio minimamente invasivo, ridotte temperature di esercizio e vibrazioni con una frequenza notevolmente ridotta rispetto a quelle ultrasoniche (6000 Hz contro 20000-30000 Hz).

Tra i diversi inserti a servizio del clinico, la serie SFS 100-103.000 offre una spiccata versatilità.

Le possibili applicazioni spaziano dalla  chirurgia ossea (osteotomie lineari), alla parodontologia (osteoplastiche, rizotomie e rizectomie ) ancora a quelle pre-protesiche (espansioni di cresta ed osteotomie di accesso).  Da non dimenticare sono le possibili applicazioni in ambito estrattivo e di chirurgia estrattiva.

DESCRIZIONE DEGLI INSERTI:

Gli inserti  presentano caratteristiche del tutto peculiari: ridotto spessore, forma a micro-sega e dentellatura a passo costante.

La morfologia dell’inserto riprende  quella di una microsega da osso ed è attivata pneumaticamente dal flusso d’aria che raggiunge lo strumento. Il movimento risultante è di tipo orbitante e tridimensionale. Lo spessore ridotto  consente una azione di taglio di 250 µm.  La parte attiva dello strumento presenta una lunghezza di circa 10 mm. La distanza che intercorre tra le diverse dentellature dello strumento è costante, di 1 mm. Risulta quindi agevole per l’operatore controllare la profondità di progressione dello strumento.

L’operatore ha la possibilità di scegliere l’inserto con la morfologia idonea per la specifica area anatomica;

-DRITTO SFS 102.000

-COMPLANARE SFS 101.000

-SAGITTALE  SFS 100.000

SFS 100 - SFS102
Figura 1 Inserti SFS 100 – SFS102

I diversi inserti sono dotati di irrigazione interna che raggiunge la base della lama, garantendo un congruo raffreddamento durante l’esercizio.

COME PUO’ ESSERE IMPIEGATA LA STRUMENTAZIONE SONICA NEL CORSO DELLE PROCEDURE ESTRATTIVE:

Gli strumenti sonici possono certamente essere utilizzati per l’aggressione chirurgica di elementi dentari inclusi e semi-inclusi, in tutte le fasi di osteotomia ed ostectomia. Trovano tuttavia un ulteriore impiego nelle quotidiane procedure estrattive. Anche elementi dentari non inclusi possono giovare, nel corso delle manovre estrattive di una strumentazione sonica.

Le manovre di sindesmotomia  e periotomia ad esempio possono essere eseguite con notevole precisione e delicatezza, minimizzando il traumatismo a carico dei tessuti molli .

Far precedere alle normali manovre di lussazione dentaria  un pretrattamento con strumenti sonici consente inoltre di ottenere un progressivo allargamento dello spazio  pericoronale e periradicolare con precisione micrometrica, in grado di agevolare le fasi successive. Le forze richieste per completare la lussazione dentaria saranno conseguentemente più leggere e percepite più favorevolmente dal paziente.

Figura 2 Manipolo sonico KOMET SF1LM. Il manipolo è dotato di illuminazione a fibra otticae di una apposita ghiera di selezione per i valori di potenza.
Figura 2 Manipolo sonico KOMET SF1LM. Il manipolo è dotato di illuminazione a fibra otticae di una apposita ghiera di selezione per i valori di potenza.

I più recenti manipoli sonici consentono di selezionare l’intensità della vibrazione, agendo su frequenza e secondariamente sull’ ampiezza del movimento. L’incisione del legamento alveolodentario è possibile utilizzando un livello di potenza 1. E’ così possibile ottenere una precisa sezione del legamento anulare di Koelliker.  Con il medesimo strumento e con identici parametri di utilizzo è possibile ottenere la completa disconnessione  della gengiva marginale dal colletto dentario . Completate le manovre di sindesmotomia e periotomia è quindi possibile proseguire con le fasi di lussazione ed avulsione a mezzo leva o pinza, scongiurando il rischio di indesiderate lacerazioni ai tessuti molli gengivali.

In caso di elementi dentari anchilotici ancora è possibile utilizzare la serie di strumenti SFS 100-102, con delicati movimenti di “va e vieni” e lavorare delicatamente lo spazio pericoronale e periradicolare al fine di ottenere contestualmente un’azione di sindesmotomia e miro-ostectomia. Sarà quindi possibile far seguire le successive manovre di lussazione ed estrazione con minor forze applicate.

Terminata l’estrazione, gli   inserti SFS 100-102 possono servire l’operatore nella realizzazione di alveoloplastiche . Ancora i medesimi inserti possono essere impiegati nella perforazione delle pareti alveolari in caso di alveoliti sicche ed in caso di socket preservation.

La detersione delle pareti alveolari residue si può giovare dell’irrigazione attivata dal movimento sonico degli inserti . Possono essere impiegati a tale scopo:

SFS 104.000 Si tratta di un preciso scollatore multifunzione.

-Serie SFS99  Strumenti diamantati per la preparazione del sito implantare.
Sono suggeriti i diametri maggiori, in funzione delle dimensioni del sito post-estrattivo (SFS 99.000.027-SFS99.000.33).

-L’irrigazione sterile può essere  garantita dallo specifico raccordo SFS 1979.000

Figura 3 Inserto SFS 104
Figura 3 Inserto SFS 104
Figura 4 Serie SFS99(0.27-033)
Figura 4 Serie SFS99(0.27-033)
Figura 5 Visione clinica iniziale. Sono presenti i residui radicolari di 4.7.
Figura 5 Visione clinica iniziale. Sono presenti i residui radicolari di 4.7.
Figura 6 Sindesmotomia e periotomia con strumenti sonici: SFS 101 (Liv.1-2) Viene trattato il versante buccale.
Figura 6 Sindesmotomia e periotomia con strumenti sonici: SFS 101 (Liv.1-2) Viene trattato il versante buccale.
Figura 7 Viene interessato il versante linguale. Sindesmotomia e periotomia con strumenti sonici: SFS 101 (Liv.1-2)
Figura 7 Viene interessato il versante linguale. Sindesmotomia e periotomia con strumenti sonici: SFS 101 (Liv.1-2)
Figura 8 Rizotomia con strumenti sonici: SFS 100 (Liv.2-3) Segue la sindesmotomia e periotomia con strumenti sonici: SFS 100 (Liv.1)
Figura 8 Rizotomia con strumenti sonici: SFS 100 (Liv.2-3) Segue la sindesmotomia e periotomia con strumenti sonici: SFS 100 (Liv.1)
Figura 9 Lussazione ed estrazione del residuo radicolare mesiale.
Figura 9 Lussazione ed estrazione del residuo radicolare mesiale.
Figura 10 Lussazione ed estrazione del residuo radicolare distale.
Figura 10 Lussazione ed estrazione del residuo radicolare distale.
Figura 11 Alveolo post-estrattivo. Grazie alla all’azione precisa ed al movimento micrometrico degli inserti sonici, le pareti alveolari linguali e buccali vengono preservate, senza fratture o deformazioni.
Figura 11 Alveolo post-estrattivo. Grazie alla all’azione precisa ed al movimento micrometrico degli inserti sonici, le pareti alveolari linguali e buccali vengono preservate, senza fratture o deformazioni.
Figura 12 Detersione del sito alveolare post-estrattivo con soluzione fisiologica sterile ed SFS99.033. L’inserto è provvisto di un rivestimento diamantato a grana grossa, efficace nel rimuovere eventuali residui di tessuto di granulazione.
Figura 12 Detersione del sito alveolare post-estrattivo con soluzione fisiologica sterile ed SFS99.033. L’inserto è provvisto di un rivestimento diamantato a grana grossa, efficace nel rimuovere eventuali residui di tessuto di granulazione.
Figura 13 Innesto di collagene equino liofilizzato.
Figura 13 Innesto di collagene equino liofilizzato.
Figura 14 Innesto eterologo in situ.
Figura 14 Innesto eterologo in situ.
Figura 15 Sutura di contenimento in seta siliconata 3/0
Figura 15 Sutura di contenimento in seta siliconata 3/0.
  1. Ruga E., Amerio E., Carbone V., Volante M., Gandolfo S.. Physics and Histologic Evaluation of Rotary, Ultrasonic, and Sonic Instruments. The Journal of Craniofacial Surgery, Volume 28, Number 7, October 2017.
  2. Amerio E., Ruga E., Garrone M., Carbone V., Gandolfo S.. Changes in temperature during the preparation of the implant sites using sonic and ultrasonic instruments: a comparative study. Journal of Osseointegration. January-April 2017; 9(1).
  3. Ruga Emanuele, Amerio Ettore, Carbone Vincenzo.  Gli strumenti sonici in odontostomatologia Dental Tribune: (Cosmetic & Endo Tribune ) Italian Edition n. 2/19

Qui sotto è possibile scaricare il PDF delle schede tecniche delle punte soniche.

  • SFS 99_000_036_100

    SFS 99_000_036_100

  • SFS 101 Punta Dott Agabiti

    SFS 101 Punta Dott Agabiti

  • Manipolo sonico SF1LS

    Manipolo sonico SF1LS

Download Allegato CV-DR-RUGA-EMANUELE.pdf
Condividi la notizia

Lascia un commento