26 Aprile 2019

Frese CT a taglio G per la lavorazione intraorale di abutment implantari di titanio, il Kit 4548

Il titanio, un materiale che rivela il suo lato migliore: biocompatibile, insapore, radiopaco, resistente alla corrosione e scarsamente conduttivo. Grazie a queste caratteristiche ottimali, praticamente senza eccezioni, il titanio si è sviluppato fino a diventare uno dei materiali preferiti in campo medico e odontoiatrico. Nelle protesi implantari, il titanio viene utilizzato nelle ricostruzioni prefabbricate nei casi di corone e ponti. Gli abutment di titanio vengono forniti già confezionati oppure vengono realizzati su misura dal laboratorio odontotecnico. A volte bisogna apportare solo piccole correzioni sugli abutment di titanio, individuali o prefabbricati. Nella maggior parte dei casi si tratta di correzioni minime, come ad esempio l’adattamento della direzione di inserimento. Il materiale titanio risulta particolarmente tenace e presuppone una lavorazione con strumenti molto taglienti. Per questi ritocchi intraorali sul titanio Komet ha sviluppato le frese in carburo di tungsteno a taglio G che, grazie alla loro dentatura superaffilata non si impastano, permettendo di asportare con facilita il materiale degli abutment. Per la successiva finitura esistono delle frese a finire ad anello rosso perfettamente congruenti per forma.

Vantaggi delle frese CT a taglio G:

  • Dentatura per sgrossature iniziali con taglio trasversale, appositamente sviluppata per il titanio
  • Lavorazione di materiale senza impastamento
  • Sagome su misura per le esigenze degli studi per la realizzazione di abutment
  • Sono disponibili frese da rifinitura nelle medesime forme.

Qui di seguito è disponibile un video informativo dedicato all’implantologia:

Qui sotto è possibile scaricare il PDF della scheda tecnica delle frese in carburo di tungsteno multilame a taglio G e del Kit 4548.

Condividi la notizia

Lascia un commento


NEWSLETTER ISCRIVITI
Casi Clinici

La riabilitazione di un elemento con un intarsio in disilicato

Il Dr. Stefano Lombardo illustra il protocollo clinico denominato B.O.P.T.

Il Dr. Fabio Scutellà mostra passo dopo passo il Simplified Prosthetic Protocol

Il Dr Mario Semenza mostra come realizzare una preparazione protesica per onlay adesivi

Komet Digital Pills, due pillole del Dr. Stefano Lombardo sulla preparazione verticale B.O.P.T.

Komet Digital Pills, la pillola del Dr. Stefano Lombardo sulla preparazione orizzontale con chamfer

Komet Digital Pills, la pillola del Dr. Fabio Scutellà sulla presa di impronta finale in un caso di protesi

Komet Academy Digital Pills, pillole per gli odontoiatri #restatiacasa

Caso clinico del Dr. Ugo Macca: moncone rivestito con corona in disilicato di litio

Gestione pre-estrattiva dei tessuti periradicolari con inserti sonici: caso clinico del Dr.Emanuele Ruga

I consigli del Dr.Claudio de Vito per la protesi digitale

Caso clinico del Prof. Guido Pasquantonio: rifinitura della preparazione orizzontale con punte a vibrazione sonica e con lime DF1

Il Digital Prosthetic Essential Kit del Dr. Claudio De Vito per le protesi metal free

Caso clinico del Dr. Ugo Macca: correzione estetica con faccette in ceramica di un sorriso discromico

Indicazioni del Dr. Fabio Scutellà sull’utilizzo di strumenti adeguati per migliorare il timing nella rilevazione dell’impronta definitiva in protesi

Caso Clinico del Dr.Daniele Cardaropoli su allungamento di corona clinica per ripristino dello spazio protesico su un primo molare inferiore

Caso clinico del Prof. Daniel Edelhoff sulla preparazione dell’onlay occlusale con il Set 4665

Caso clinico sulla preparazione delle faccette

Caso Clinico del Dr. Claudio De Vito su inlay in composito con sistematica Cad-Cam

Caso Clinico del Dr.Claudio De Vito su corona in ceramica in un unico appuntamento con il CAD CAM