Commenti 0

CeraFusion Evo, l’unico modo di lucidare l’ossido di zirconio per compenetrazione

Lucidare i denti monolitici in zirconio è importante non solo per motivi estetici, quanto funzionali, al fine di non abradere anzitempo l’antagonista e quindi per non produrre gravi disfunzioni gnatologiche.

La soluzione classica della glasura non è adatta da vari punti di vista, in quanto lo spessore che si deposita nei solchi aumenta la dimensione verticale dell’elemento monolitico e causa in genere più problemi di quanti ne dovrebbe risolvere.

La soluzione CeraFusion è ineccepibile dal punto di vista delle superfici rilasciate e del rispetto anatomico.

CeraFusion è infatti una vera innovazione per il laboratorio odontotecnico perché a tutt’oggi è l’unico modo di lucidare lo ZrO2 per compenetrazione.
Applicato in modo semplice e rapido con lo spray, il silicato di litio entra in profondità nelle porosità dello ZrO2 e si diffonde nella struttura producendo una superficie molto liscia e più refrattaria alla formazione della placca.

Il risultato è quindi una compenetrazione ottimale che garantisce una lunga durata utile all‘elemento ricostruito in ZrO2 e all‘antagonista.

E’ bene chiarire che non sono possibili paragoni tecnici con lacche e glasure di tipo tradizionale: con CeraFusion la lucidatura tradizionale con i gommini, l‘applicazione della glasura e gli eventuali ritocchi non sono più necessari.

Si consiglia di spruzzare CeraFusion in modo moderato, infatti non c’è bisogno di esagerare perché la polvere CeraFusion penetra efficacemente nello ZrO2 senza necessità di deporre uno strato spesso: una volta capito come dosare correttamente il CeraFusion si riescono a ottenere facilmente buoni risultati.

CeraFusion evo è la versione avanzata del primo rivestimento trasparente al mondo a base di silicato di litio, ecco le sue caratteristiche salienti:

  • Lucidatura e glasura non sono più necessarie
  • Eccellente adesione grazie alla compenetrazione
  • Novità: condizionamento superficiale per favorire le cementazioni adesive (per esempio Ponti di Maryland) e strutture in ossido di zirconio.

Flusso di lavoro con CeraFusion:

Come è noto, lo zirconio appena uscito dalla sinterizzazione è opaco in quanto poroso.

CeraFusion si spruzza sul dente monolitico in ossido di zirconio già sinterizzato.

Poi si mette il dente nel forno da ceramica (non in quello per la sinterizzazione) e con la cottura di 20 minuti a 920 gradi, questo velo di silicato di litio penetra dentro la struttura porosa dell’ossido di zirconio per 4 / 5 µm.

Con CeraFusion viene risolto il problema della glasura che salta via per ripetuta abrasione con l’antagonista: il dente monolitico in zirconio risulterà veramente lucido e a prova di placca, soprattutto nella zona del bordino. Il bordino sarà decisamente più lucido ed igienico rispetto a quanto ottenibile finora.

               Corretta manipolazione della bomboletta Cerafusion

 Sebbene l’utilizzo dello spray CeraFusion sia molto semplice e intuitivo, si consiglia di seguire alcune semplici istruzioni per evitare problemi con le bombolette di questo prodotto, come per esempio l’intasamento dell’ugello o del tubicino di fuoriuscita della polvere oppure la perdita di pressione.

Questi problemi sono riconducibili soprattutto alle modalità di pressione del pulsante o a come si conserva la bomboletta, quando non viene utilizzata.

Qui di seguito vengono illustrati i punti essenziali riguardanti la corretta gestione della bomboletta Cerafusion (in ogni caso si consiglia di leggere il bugiardino in lingua italiana contenuto nell’imballo del Cerafusion):

  1. Agitare la bomboletta con forza in modo che la polvere ceramica che si è depositata sul fondo si misceli in maniera ottimale (vedi istruzioni d’uso presenti nel bugiardino del prodotto). Dopo pochi secondi si sente il rumore delle palline di miscelazione che si muovono liberamente nella bomboletta, ma è consigliabile agitare ancora per essere sicuri che la polvere sia stata agitata a dovere. E’ meglio agitare brevemente la bomboletta anche tra le singole spruzzate.
  2. Nello spruzzare prestare attenzione di schiacciare fino in fondo il pulsante. Premerlo solo fino a metà favorisce un’apertura incompleta della valvola e produce degli strati non perfetti.
  3. Dopo la spruzzata capovolgere la bomboletta e in quella posizione fare una breve spruzzata. I fori di fuoriuscita al pulsante e al tubetto sono percorsi e puliti dal gas.
  4. Pulire il pulsante e il tubetto dopo l’uso con acqua calda (o con il vapore) e infine asciugare con aria compressa.
  5. Una valvola non chiusa completamente e la conseguente perdita di pressione si avvertono nella maggior parte dei casi per la presenza di un “sibilo” leggero.
  6. Tenere la bomboletta capovolta e spruzzare ancora una volta finché la valvola si chiude da sola.

Fasi per il corretto uso di CeraFusion descritte nel video qui sopra:
Situazione iniziale: corona sinterizzata in ZrO²
La superficie deve essere pulita, asciutta e priva di grasso
Agitare bene CeraFusion prima dell’uso!
Applicare CeraFusion con brevi getti spray tenendo lo spruzzo a una distanza di 15-20 cm dal restauro
Il restauro dovrebbe essere coperto con uno strato uniforme di polvere bianca
La corona rivestita viene posata sul vassoio di cottura
Posizionare il vassoio di cottura nel forno
Avviare il programma di cottura CeraFusion
Pulire l’ugello dopo ogni utilizzo
Suggerimento pratico: al completamento del programma, rimuovere il vassoio di cottura dal forno e lasciare raffreddare le corone
Dopo un solo ciclo di cottura, la corona ha una superficie brillante a specchio con un legame adesivo ottimale con la struttura in ossido di zirconio
Applicare la vernice dentale adattata al colore del dente del paziente
Applicare uno strato sottile di CeraFusion sulla vernice dentale prima di mettere in forno
Posizionare la corona sul vassoio di cottura e avviare il programma di cottura
Verifica finale della corona sul modello
CeraFusion: Silicato di litio trasparente per restauri in ossido di zirconio

Allegati Download Brochure CeraFusion download pdf
Condividi la notizia

Commenti

Commento